Guarda la TV
Ora in onda: 18:25:13 - RIFIUTI E TERRITORIO - TERRA DEI FUOCHI, "AMBIENTE-CIBO-SALUTE": CHE FARE?
A seguire: 19:19:47 - AIRA ALLA COMMISSIONE ECOMAFIE: «FERMATE I DEMOLITORI DISONESTI»

GESTIONE RAEE 2019: LE DICHIARAZIONI DEGLI IMPIANTI

Crescono le quantità di rifiuti elettrici ed elettronici trattate dagli operatori autorizzati, ma le percentuali di raccolta fanno un passo indietro e si allontanano dal target fissato dall'Ue. Questo quanto emerge dall'ultimo rapporto sulla gestione dei Raee pubblicato dal Centro di Coordinamento nazionale e basato sulle dichiarazioni degli impianti. Con 353mila 840 tonnellate i raee domestici trattati crescono dell'11,67% mentre è del 5,39% l'incremento dei rifiuti elettrici professionali, 110mila 113 tonnellate nel 2019. Complessivamente, le 42mila 609 tonnellate in più avviate a corretto trattamento nel 2019 segnano un aumento del 10% rispetto all'anno precedente. Cala invece il tasso di ritorno rispetto agli obiettivi fissati dall'Ue. Se nel 2018 infatti l'Italia era riuscita a raggiungere il 42,84%, a un passo cioè dal target Ue del 45%, nel 2019, dice il CdC, la raccolta perde più di 3 punti, scivolando al 39,53%. Come se non bastasse, proprio a partire dal 2019 l'obiettivo europeo è passato dal 45 al 65%, cosa che al momento lo pone decisamente fuori dalla portata dell'Italia.

Condividi: